Salmo 22: invoco di giorno e non rispondi, grido di notte

Salmo 39: ardeva il cuore nel mio petto, è divampato il fuoco L'autore del salmo 39 si propone di vigilare sul suo modo di agire e parlare per non peccare quando si trova di fronte un empio. Il salmista pensava che Dio punisse l'empio che al contrario ritorna più forte mentre lui è messo nella condizione di dover tacere, senza poter impedire per questo la sua azione malvagia. Sentendosi oppresso vorrebbe reagire con ra...
Salmo 52: la tua lingua è lama affilata, artefice di inganni Questo salmo si apre con una domanda che ha lo scopo di far riflettere un ricco e potente disonesto su quanto sia assurda la sua posizione, su quale giovamento possa a lui venire compiendo il male. Come può sfoggiare apertamente come vanto quello di cui dovrebbe invece provare grande vergogna. L'empio non ha moralità alcuna e vive di menzogna, il suo scopo e...
salmo 22
salmo 22
Salmo 59: ritornano a sera e ringhiano come cani, si aggirano Il salmo 59 è la preghiera di un uomo giusto che si trova a Gerusalemme, nella città assediata dalle truppe di Antioco V che, dopo il saccheggio dei tesori del tempio, diedero inizio ad un processo di paganizzazione. Il giusto di cui parla questo salmo difende la Legge di Dio, nonostante il pericolo di morte che lo assilla di continuo. Lettura salmo 59 bibbi...

Nel salmo 22 viene descritta la figura di un uomo giusto in stato di sofferenza e perseguitato ma pieno di fede in Dio. Si tratta di un’autobiografia dell’autore riguardante l’esperienza dolorosa personale, per proporla come esempio ai fedeli affinchè essi guardino ad essa come modello di sostegno nei momenti della vita più difficili, specialmente quando si sentono rifiutati e colpiti dalle persone più vicine.

Lettura salmo 22 bibbia

[1] Al maestro del coro. Sull’aria: “Cerva dell’aurora”. Salmo. Di Davide.

[2] “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? Tu sei lontano dalla mia salvezza”: sono le parole del mio lamento.

[3] Dio mio, invoco di giorno e non rispondi, grido di notte e non trovo riposo.

[4] Eppure tu abiti la santa dimora, tu, lode di Israele.

[5] In te hanno sperato i nostri padri, hanno sperato e tu li hai liberati;

[6] a te gridarono e furono salvati, sperando in te non rimasero delusi.

[7] Ma io sono verme, non uomo, infamia degli uomini, rifiuto del mio popolo.

[8] Mi scherniscono quelli che mi vedono, storcono le labbra, scuotono il capo:

[9] “Si è affidato al Signore, lui lo scampi; lo liberi, se è suo amico”.

[10] Sei tu che mi hai tratto dal grembo, mi hai fatto riposare sul petto di mia madre.

[11] Al mio nascere tu mi hai raccolto, dal grembo di mia madre sei tu il mio Dio.

[12] Da me non stare lontano, poiché l’angoscia è vicina e nessuno mi aiuta.

[13] Mi circondano tori numerosi, mi assediano tori di Basan.

[14] Spalancano contro di me la loro bocca come leone che sbrana e ruggisce.

[15] Come acqua sono versato, sono slogate tutte le mie ossa. Il mio cuore è come cera, si fonde in mezzo alle mie viscere.

[16] È arido come un coccio il mio palato, la mia lingua si è incollata alla gola, su polvere di morte mi hai deposto.

[17] Un branco di cani mi circonda, mi assedia una banda di malvagi; hanno forato le mie mani e i miei piedi,

[18] posso contare tutte le mie ossa. Essi mi guardano, mi osservano:

[19] si dividono le mie vesti, sul mio vestito gettano la sorte.

[20] Ma tu, Signore, non stare lontano, mia forza, accorri in mio aiuto.

[21] Scampami dalla spada, dalle unghie del cane la mia vita.

[22] Salvami dalla bocca del leone e dalle corna dei bufali.

[23] Annunzierò il tuo nome ai miei fratelli, ti loderò in mezzo all’assemblea.

[24] Lodate il Signore, voi che lo temete, gli dia gloria la stirpe di Giacobbe, lo tema tutta la stirpe di Israele;

[25] perché egli non ha disprezzato né sdegnato l’afflizione del misero, non gli ha nascosto il suo volto, ma, al suo grido d’aiuto, lo ha esaudito.

[26] Sei tu la mia lode nella grande assemblea, scioglierò i miei voti davanti ai suoi fedeli.

[27] I poveri mangeranno e saranno saziati, loderanno il Signore quanti lo cercano: “Viva il loro cuore per sempre”.

[28] Ricorderanno e torneranno al Signore tutti i confini della terra, si prostreranno davanti a lui tutte le famiglie dei popoli.

[29] Poiché il regno è del Signore, egli domina su tutte le nazioni.

[30] A lui solo si prostreranno quanti dormono sotto terra, davanti a lui si curveranno quanti discendono nella polvere. E io vivrò per lui,

[31] lo servirà la mia discendenza. Si parlerà del Signore alla generazione che viene;

[32] annunzieranno la sua giustizia; al popolo che nascerà diranno: “Ecco l’opera del Signore!”.

Guarda anche